sabato 30 ottobre 2010

Prendeteveli ed educateli tutti

Lucerna, Svizzera, ottobre 2010. Anche se sembra un'altra galassia: incredibile che si trovi a meno di mille chilometri da Piazza San Pietro.
La locale Chiesa cattolica ha infatti avviato una campagna informativa di tre giorni sull'Aids e la sua prevenzione. Distribuisce anche preservativi con lo slogan "Dimenticarsi è contagioso. Proteggi il tuo prossimo come te stesso".
Florian Flohr, responsabile della comunicazione della Chiesa: "Chi in tema di HIV non parla anche di preservativi si comporta in modo non etico"

NON MALE, EH?

Città del Vaticano, Trastevere, Roma, però-staterello-estero-ingerente-e-nemmen-poìno, marzo 2009. 

"L’Aids non si può superare con la distribuzione dei preservativi che al contrario aumentano il problema" - ha detto Baruch ics vi i riuscendo a rimanere serio.

QUI la coda di paglia di Angelo Bagnasco, presidente della CEI (cèi sì, ma anche sordi e insensibili ai richiami della logica, del progresso, della moderna civiltà, come ebbe a esprimersi il buon PIO I ICS, o pio nove, nel Sillabo un secoletto e mezzo fa. Sarebbe anche ora di finilla, o no?).
Ecco Bagnasco esibirsi nel suo numero migliore, la supercazzola trinita confraternita al giornalista:
"Sulla lotta all'Aids, il Papa ha semplicemente ricordato (oh, ha semplicemente ricordato. Abbiamo buona memoria, NOI) che col condom il male non è stato stroncato, ma ha più opportunamente esortato la promozione di un'opera ad ampio raggio che va inquadrata nella mentalità degli africani e si concretizza in particolare nella promozione effettiva della donna" (sì, e io c'ho la fava di Milingo), potenziando "le esperienze di cura e di assistenza, finanziando la distribuzione di medicinali accessibili a tutti..." (sì, bravo. Ci parli te con la Pfizer?). Ma "vorremmo anche dire, sommessamente e con energia (SIC!)  che non accetteremo che il Papa sui media o altrove venga irriso e offeso..." (Oh, la smettesse di vestirsi da carnevale. Non che le posizioni sarebbero meno ridicole e anacronistiche. Però aiuta).

AMICI ELVETICI, vi aspettiamo con ansia.

6 commenti:

  1. citando petrolini: io non me la prendo con te [loro] ma con quelli che ti stanno accanto che ancora non ti hanno buttato di sotto.....

    RispondiElimina
  2. Infatti B16 non usa il preservativo.

    RispondiElimina
  3. propongo il compromesso storico: il "preservativo naturale".
    ihihih!
    luciano er califfo.

    RispondiElimina
  4. non ci sono parole, davvero...

    RispondiElimina
  5. Florian Flohr? Genitori disgraziati.

    RispondiElimina