martedì 25 gennaio 2011

Liberiamoci del maiale!

Ora, vorrei subito precisare che io in cucina sto dall'altro lato del tavolo, sì insomma adoro mangiare, e mangiare bene, ma se si tratta di cucinare mi fa una fatica boia, pur adoperandomi a volte con profitto.
Aderisco però volentieri a un'iniziativa di due blog di cucina, che già tempo fa avevano  partecipato al "Metti un finocchio a cena" di Gaia contro l'omofobia.
Il banner della nuova iniziativa è questo:


Ecco i linchi ai blog promotori:
Si può facilmente immaginare che ci si fa qui promotori di una qualcerta malcelata ostilità verso i comportamenti con le donne del presdelcons. geom. pennellocinghiale. 
Si tratta quindi di pubblicare una ricettina avente il mondo dei suini come protagonista, onde esorcizzare la presenza del suo più indegno e lercio rappresentante ai massimi vertici delle istituzioni, e promuoverne la riconduzione a scaracchi nel suo habitat, il porcile dell'oblio.
Bando all'accidia, quindi, e andiamo a introdurre l'Arista flambata al Vov.
Si proceda obbligatoriamente così.

Si prenda un maiale (Sus Scrofa Domesticus) di mezzana grandezza e lo si insegua con una SiNca mille del '79 in discesa (ma in folle e lavorando adeguatamente di controsterzo) sulla provinciale da Lucolena verso Ponte agli Stolli. Rese così le sue carni dure asserpentate ma stoppose come quelle dell'anatra anziana, lo si ammazzi con l'inganno e lo si dimentichi una nottata nel bagagliajo. Procuratevi ora al mercato nero un flessibile con lama di praseodimio temperato che userete per ricavare un bel pezzo d'arista (si fa per dire) dalla carcassa dell'anymale.
E veniamo alla preparazione del condimento. In una marmitta da campo sbattete 42 òva cui unirete l'equivalente di un pacco di Macine da un chilo ma contenente grana grattugiato (o, se preferite, direttamente le Macine sbriciolate), du' belle manate di pinoli del 16, segatura quanto basta e un etto abbondante di lievito di birra. Cuocete l'impasto a 180 gradi per sei orette buone in una stufa a secco fattavi prestare dal più vicino laboratorio di Radiobiologia, quindi usate di nuovo il flessibile per ricavare nel MANUFATTO  così prodotto uno spazio delle dimensioni ESATTE della vostra superba arista.
Cullata dal vostro splendido condimento, cuocerete ora l'arista fino a che assumerà il colore del RIO DESTINO.
Eccovi pronti agli ultimi ritocchi: guarnirete il tutto con cocomero tagliato a dadini e spicchi d'aglio crudo stemperati nel caramel mou, e chi gli piace potrà aggiungere una fetta d'arancia al centro dell'arista, ma sia chiaro che qualcuno potrà considerarlo volgare.
Ed eccoci all'atto di andare in tavola: con un'innaffiatojo da ramato cospargete l'invidioso alimento con un mix di marsala e alcool a 90 gradi, cui darete fuoco ad assicurare un effetto flambé e il caratteristico odore del Vov per i quali mi rammenterete a lungo. 
Si consiglia di servire questo piatto ad una tavolata di porporati e vedove di generali.
Io nel frattempo me ne vo da Zocchi, via Bolognese, ristoratori dal 1783, per una cena tuttomaiale. Buon appetito.

PS: unicuique suum. Ricette in stile similare (ma molto meglio) le scriveva quindici-vent'anni fa l'immortale Sardelli sul Vernacoliere, questo va detto!


28 commenti:

  1. Per un attimo ho temuto di imbattermi in un post pro-vegetarianesimo ed ero già pronto a decantare la bontà della carne suina. Ma vedo che non è questo il caso! Ottima ricetta che spero venga messa in pratica presto! ;)
    Vogliamo tutti, disperatamente, liberarci di QUEL maiale......

    RispondiElimina
  2. Grande ricetta wr! E speriamo che qualcuno ci possa rimanere dopo averla assaggiata!

    RispondiElimina
  3. Ricetta raffinatissima, che di più non si può.

    OT
    Ti ho linkato in questo post che parla del CAPTCHA. Visto che tu non l'hai attivato potresti dirmi in un commento se hai dei problemi o no?

    RispondiElimina
  4. te sei tutto matto.. aahhahaha!
    (meno male che sono vegetariana)

    RispondiElimina
  5. Unico difetto dell'iniziativa è che suona un po' offensiva nei confronti dei maiali e delle scrofe... comunque ci può stare...

    RispondiElimina
  6. io invece prenderei le maiale del maiale e le costringerei a darla gratis agli operai fiat... vedrebbe marPionne che aumenti di produttività!
    luciano er califfo.

    RispondiElimina
  7. scusa ma non sono d'accordo! il maiale è una creatura che merita massimo rispetto e non può certo essere paragonato a certa gentaglia.....

    RispondiElimina
  8. Onde fugare definitivamente ogni equivoco: massimo rispetto per il genere Sus suddetto. Forse bisognerebbe smettere di paragonare agli (altri) animali i più indegni rappresentanti del genere Homo, ma qui di questi ultimi si parla, e ci si vuol liberare della loro PUBBLICA presenza.

    RispondiElimina
  9. Dal maiale tiriam fuori tanta roba buona da questo niente.. ;)

    RispondiElimina
  10. non si tollerano vegetariani in questo frangente! ;-)

    RispondiElimina
  11. Liberi liberi!e ricordiamoci Orwell.

    RispondiElimina
  12. Non so fare un uovo sodo, ma una spruzzata di polvere pirica prima di accendere il maialufatto io la consiglierei...

    RispondiElimina
  13. Ok, ecco; andrò anch'io da Zocco; sarà meglio per me e i miei commensali.

    RispondiElimina
  14. Non ho letto gli altri commenti, ma trovo questo paragone assolutamente irriverente.
    Sono pazzo per le salsiccie, per il salame milano e ungherese ...per non parlare di quello di Felino... adoro le spuntature nella polenta e la pancetta nella carbonara, il guanciale nella amatriciana etc etc ... Silvio invece non serve veramente ad un cazzo.

    RispondiElimina
  15. Si puo fare anche con il cinghiale? Perchè fatico a scegliere il maiale.
    saluti

    RispondiElimina
  16. l'ultima volta che mi son permessa di fare dell'ironia su un animale, mi son beccata gli insulti di un vegetariano. Diciamo che aderisco col pensiero. Poi, mi do disponibile per sedermi a tavola per l'assaggio della ricetta vincitrice. Poi tu ci porti a correre, per smaltire.

    RispondiElimina
  17. Il porco vecchio dovrà morire, prima o poi, ma che ne sarà di tutti i maialini che ora girano per la porcilaia?

    RispondiElimina
  18. Ciao, passo per un saluto e un abbraccio!

    RispondiElimina
  19. Se fosse del maiale più illustre la colpa di tutto...mi accoderei subito...solo che io ho la nausea a sentir parlare di sto maiale dappertutto...mentre ben altre sono le questioni

    e si sa che la nausea non va bene quando si è a tavola...

    l'iniziativa in se mi piace comunque...almeno ha una sua forte ironia di fondo.

    RispondiElimina
  20. grazie per il tuo simpaticissimo contributo.

    Vado a cercare una Simca mille..^^

    (ps... per chi fosse dispiaciuto per l'analogia, al procello della foto, ritratto durante una vecchia gita in Valtournanche, ho chiesto mentalmente scusa...^^)

    RispondiElimina
  21. la tavola è la tavola...anche se non è la mia carne preferita.

    alessio

    RispondiElimina
  22. Mi unisco ai ringraziamenti di merendasinoira!
    Gran bel contributo!
    Un saluto
    Kemi

    RispondiElimina
  23. la ricetta è fantastica ma il maiale un si cucina così, bischero!!

    cmq...io non dico più neanch ein bocca allupo e in culo alla balena...che poveri, con gli umani non c'entrano niente.....

    chiamarlo UOMO IMMONDO, NO???:D

    RispondiElimina
  24. Se siete d'accordo con le mie dichiarazioni condividetele sui vostri blog.

    RispondiElimina
  25. Poveri maiali. Quelli veri, in questo ultimo mese, oltre alle solite violenze che subiscono, vengono continuamente paragonati a quell'uomo, degno rappresentate della sua specie (purtroppo), l'autobiografia di una nazione. Mi ricordo "Maus", quel mitico fumetto con i gatti nella parte dei nazisti e gli ebrei in quella dei topi. Da amante dei gatti rimasi un po' perplesso, ma compresi il paragone, come ora ...

    RispondiElimina