giovedì 30 dicembre 2010

Fine anno di poesia e tragicommedia

Il più bello dei mari
è quello che non navigammo.
Il più bello dei nostri figli
non è ancora cresciuto.
I più belli dei nostri giorni
non li abbiamo ancora vissuti.
E quello che vorrei dirti di più bello
non te l'ho ancora detto.

Voglio concludere in poesia questo 2010 che si prepara ad andarsene.
Che poi, andarsene... ma 'ndo' cazzo va, che giorni, mesi, anni, non son altro che convenzioni che ci siamo inventati per organizzarci meglio la vita, o forse per complicarcela, o come mezzi per avere scuse per rimandare impegni, cambiamenti, vita "a domani", "al mese prossimo", per poter dire che "il prossimo anno" sarà quello della svolta. Belle fìe siamo, sì. Io vorrei dire invece che svolto ora, in questo momento, che questo istante racchiude l'infinito passato e l'infinito futuro, anche se so che domani sera a mezzanotte sarò come sempre e come tutti briao tegolo a tirar su e poi buttar giù l'ennesimo bicchiere.
E lo vorrei dire con la consapevolezza che quello che dicono questi versi di un poeta che amo visceralmente sono una realtà che è il punto di avvio per metterla in atto, quella svolta.
Hikmet... c'è una storia che ricollego al suo nome.
Non so più se me l'hanno raccontata, se è un ricordo, se me la sto inventando in questo momento.
Allora, diciamo che c'è un ipotetico Lui. Diciamo che questo tal Lui è un personaggio che potreste arrivare a considerare interessante, se proprio ci tenete. Bastantemente intelligente, a suo modo simpatico, a tratti brillante. Di aspetto non eccessivamente ripugnante, è sempre disponibile specie con le donne che raramente ne approfittano, bontà loro. Insomma, uno che ti ramazza la stanza ma senza la scopa in culo, ecco.
C'è anche un'ipotetica Lei. Carina, non appariscente, non se la tirerebbe neanche con un carro di buoi a disposizione. Simpatica, creativa, vulcanica, e assolutamente non rompicoglioni.
Sembrano fatti per stare a pane, non credete?
I due bravi gggiovani sono compagni di studi universitari. Si conoscono al secondo anno e si piacciono, of course, ma in guisa di corrispondenza d'anime sensibili, diciamo. Inzomma, Lei sembra 'un volergliela dare, così pensa Lui almeno. So' ragazzi. Poi Lui ha una storia piuttosto lunga, e i due si perdono un po' di vista per un paio d'anni. Si rifrequentano che Lui brilla a tratti, non ripugna eccessivamente e ha sempre quella scopa in mano, mentre Lei crea, vulcanizza e non rompe i coglioni. Tuttavia c'è un fatto strano: Lei è sempre accompagnata da una tipa strana, sono amiche dicono, ma la tipa le è attaccata in modo decisamente morboso, con una gelosia viscerale che stona riferito a Lei, come stona un congiuntivo correttamente abbinato a un condizionale in un discorso di Calderoli. Lui non sa niente di eventuali storie che Lei può aver avuto in quei due anni, Lei mostra un evidente riserbo al riguardo.
Un giorno si vedono da soli. Lui pensa che è l'occasione buona per dirle quello che vorrebbe dirle di più bello, perché... beh, c'è bisogno di spiegare perché?
Un giardino di una piazza bellissima, centrale eppure discreta e non affollata fa da cornice all'incontro. Lui parla nel suo modo brillante, ma è Lei a parlare di più... e a sciogliere il suo riserbo. Lui suda freddo, sempre di più, stalattiti e stalagmiti gli imperlano la fronte oltre ai recessi più imperscrutabili del suo essere. LA TIPA. Beh, in fondo l'aveva sempre saputo, con la sua bastante intelligenza. Era finita da un po', ma le si era attaccata addosso, gelosa marcia, perché c'era un'altra in ballo. Lei aveva dei dubbi ovviamente, che con la tipa potesse essere stato un episodio folle e travolgente. Ma conosceva un tipo non ripugnante, disponibile, intelligente (in modo bastante), simpatico (a suo modo), brillante (a tratti), e che scopa benissimo (ma Lei non poteva saperlo, e poi che avete capito, eh?), e se non poteva andare con Lui (perché non poteva andare, questo era chiaro)... beh, non poteva andare con nessun altrO.
Bello sentirsi utili, pensa Lui, smoccolando POCHISSIMO.
E pensa a immagini banali quanto incontrovertibili, tipo le rette parallele che sembrano incontrarsi all'infinito o le costellazioni che sembrano un tutt'uno ma sono una proiezione fittizia di stelle distanti decine, centinaia, migliaia, milioni di anni luce che magari mentre ne guardiamo l'immagine son già esplose in una supernova o collassate in un buco nero.
Ma soprattutto ha marchiata a fuoco in tutto il suo spaziotempo vitale un'altra perla di quel  poeta meraviglioso.



Sei la mia schiavitù sei la mia libertà
sei la mia carne che brucia
come la nuda carne delle notti d'estate
sei la mia patria
tu, coi riflessi verdi dei tuoi occhi
tu, alta e vittoriosa
sei la mia nostalgia
di saperti inaccessibile
nel momento stesso
in cui ti afferro.

Oh, mica penserete che io sia Lui eh?
Io uso l'aspirapolvere.

AUGURI A TUTTI!!

31 commenti:

  1. Eh eh...
    Auguri anche a te amico!

    RispondiElimina
  2. "...Per quella parte di te che mi manca e che non avrò mai...
    Per tutte le volte che mi hai detto non posso ma anche per tutte quelle che mi hai detto ritornerò!
    ..In attesa posso chiamare la mia pazienza... "Amore"?

    La tua Fata Ignorante.


    questi erano i versi nascosti dietro il famoso quadro...
    buona vita..qui e ora...:D

    RispondiElimina
  3. bellissimo racconto: finché c'è amore c'è speranza? auguri!
    (beato Stefano Lelio Beniamino Accorsi che se ne è andato a vivere in Francia...)

    RispondiElimina
  4. "l'emozione è tutto nella vita, quando siete morti è finita" (Vinicio Capossela)
    http://www.youtube.com/watch?v=NR07RuvmF6k

    RispondiElimina
  5. Prova con lo swiffer... Auguri per la prossima convenzione di 365 giorni!

    RispondiElimina
  6. Il commento di Inners Auge..mi ha fatto impazzire hahah!

    "Corriamo su questa macchina futurista incontro a un futuro che forse sarà fatto tutto così, con gli avanzi di ciò che resta del prima."

    Buon Anno Webbolo..e se trascorri capodanno con DAVE..abbraccialo da parte mia hahahah! ;)

    RispondiElimina
  7. ..che poi non so tu...
    ma io DAVE lo pronuncio DAVE, mica DEIV!
    :D :D :D

    RispondiElimina
  8. Allora Grace (che comunque si scrive Greis e si pronuncia Gruà) DAVE da passa' un bellerrimo 2011!

    (Ma perché tutti commentate fra virgolette? e io rispondo tra parentesi miste, tiè]

    RispondiElimina
  9. Eh, Chica, è quell'"in attesa" che mi garba poco.
    Oh cazzo, ho usato le virgolette.
    Baci&ribaci.

    RispondiElimina
  10. ahhahahahaha...m'ha fatto venire in mente questa barzelletta:

    Una suora camminando per strada dice:
    ho pestato una merda!!
    cazzo ho detto merda!!!
    minchia ho detto cazzo!!!!
    ..ma vaffanculo manco la volevo fa la suora!!!

    RispondiElimina
  11. Inneres... neanch'io... :(

    Angie, e che ci si va a fare in Francia? non è più stimolante qua? ;)
    Qui. Ora.

    Paté, col grande Vinicio mi solluccheri. Direi anche -quando è finita siete morti-. (fra lineette. Dannate virgolette)

    Karim, lo swiffer è un compromesso inaccettabile. Oh, li odio i compromessi.
    Convenzioniamoci allora, auguri a te!

    RispondiElimina
  12. dev'essere il giorno della oggi..
    o *eccitazione*.. la graffa, voglio la graffa..
    dov'è??

    RispondiElimina
  13. ecco vedi.. se metti citazione tra <> non te lo scrive. :D

    RispondiElimina
  14. Comunque sia - non ricordo se così si può dire - i versi iniziali e finali a me sono piaciuti molto.
    Però lo confesso se non scrivevi la frase finale avrei giurato che tu fossi Lui.
    Mi sa che non ho azzeccato un verbo.
    Forse sarò già briao.
    Buono o cattivo che sia l'anno nuovo, a me basta esserci.
    Auguri.

    RispondiElimina
  15. Giuro che la (non) tua delusione saffica mi ha fatto leggere alla fine "tette parallele" invece di rette parallele...

    Tanti auguri, amico mio, perché tu sia felice, con scopa o aspirapolvere, in qualsiasi anno, sempre!

    RispondiElimina
  16. Due tette parallel non s'inconntr.n mai.
    E se s'ncontr.no, non si s.lutano.
    Ora dighe un poesia.

    RispondiElimina
  17. Tantissimi Auguri e anche un po' Agrumi di buon anno! :D :D

    RispondiElimina
  18. ...traigo
    sangre
    de
    la
    tarde
    herida
    en
    la
    mano
    y
    una
    vela
    de
    mi
    corazón
    para
    invitarte
    y
    darte
    este
    alma
    que
    viene
    para
    compartir
    contigo
    tu
    bello
    blog
    con
    un
    ramillete
    de
    oro
    y
    claveles
    dentro...


    desde mis
    HORAS ROTAS
    Y AULA DE PAZ


    COMPARTIENDO ILUSION
    CORSI E RICORSI

    CON saludos de la luna al
    reflejarse en el mar de la
    poesía...


    AFECTUOSAMENTE : OS DESEO UNAS FIESTAS ENTRAÑABLES 2010- Y FELIZ AÑO 2011 CON TODO MI CORAZON….


    ESPERO SEAN DE VUESTRO AGRADO EL POST POETIZADO DE ACEBO CUMBRES BORRASCOSAS, ENEMIGO A LAS PUERTAS, CACHORRO, FANTASMA DE LA OPERA, BLADE RUUNER Y CHOCOLATE.

    José
    Ramón...

    RispondiElimina
  19. "convenzioni che ci siamo inventati per organizzarci meglio la vita, o forse per complicarcela, o come mezzi per avere scuse per rimandare impegni, cambiamenti, vita "a domani", "al mese prossimo", per poter dire che "il prossimo anno" sarà quello della svolta."
    Ho pensato a queste frasi quando ho ricevuto un sms che recita

    "buongiorno!Va meglio rispetto all'altro giorno? TANTO DOMANI FINISCE L'ANNO E TUTTE LE COSE BRUTTE CON ESSO... Cmq ti volevo chiedere di statistica moda media mediana deviazione standard probabiltà e dopo?"

    In maiuscolo ho messo volutamente quella frase poichè m'ha fatto girà i pall (considerando che l'ha scritto la donna che amo)

    RispondiElimina
  20. Quindi? Trombi da dio?
    ahahahaha
    Buon anno con o senza scopa! (meglio con)
    :D

    RispondiElimina
  21. dio non esiste, trombo da me ;))
    e pure pòo, ultimamente
    ... e infatti, caro Inneres, forse è per questo che mi ritrovo di nuovo sìngol alla mia venerabilanda età; cioè questo cosa, il fatto che un sms come quello m'avrebbe già fatto ribolli', altroché!

    RispondiElimina
  22. Azz...se vuoi un'aspirapolvere nuova il mio vicino è rappresentante vorwerk...ma ha la casa infestata dalle follette!!!
    Buon anno anche a te

    RispondiElimina
  23. Buon 2011 allora, trombante da solo o in piacevole compagnia, sperando che non si finisca trombati come nel 2010...

    RispondiElimina
  24. Oh, ti posso dire che hai chiuso questo 2010 in crescendo? Questo è davvero un gran bel post.

    Mi lascia miriadi di domande sospese sull'ugola (essì, sono domande piene di r), ma non te le farò.

    Solo: buon anno.
    Anche perché non contiene r.

    RispondiElimina
  25. Ciao, nell'augurarti un buon 2011 invito te e i tuoi lettori a votare i migliori film ed attori del 2010.

    CLICCA QUI PER VOTARE

    RispondiElimina
  26. Oh insomma Stefano...scopa o aspirapolvere Buon anno lo stesso (:-)))

    Abbraccione forte
    Namastè

    RispondiElimina
  27. Che bel leggere ..e che splendide poesie.
    Buon anno nuovo di cuore!
    Ciao!

    RispondiElimina
  28. Auguri di corsa ...poi tornerò con calma a rlieggermi un bel po' di cose saltate in questo fine di anno sfigato dal punto di vista pc :(

    RispondiElimina
  29. Grazie infinite a tutti per gli auguri e i commenti!!
    (già, Rosa, scopa o aspirapolvere? ;)
    namastè)
    Le domande piene di r di Silas m'incuriosiscono alquanto.

    RispondiElimina
  30. Come si fanno le parentesi miste, che non lo so? Lasciati gli scherzi: prosa acconcia per una storia forse un po' di altri tempi (i miei!), ma pur sempre con il suo intrinseco perchè. Augurissimi!

    RispondiElimina