domenica 26 giugno 2011

Il quarantunesimo comandamento del runner

41. Evita di tirare il collo agli organizzatori che fanno sbagliare strada a venti persone (senza contare i rischi che si corrono a girare senza che qualcuno segnali il tuo arrivo ai mezzi a motore)  perché un incrocio chiave non è presidiato (io ero tipo il dodicesimo o giù di lì).
Successo un'ora fa in quel di Sesto Fiorentino. Dopo mezz'ora di consultazioni, la salomonica decisione: vi si toglie dalla classifica, ma a voi du' belle bottiglie di vino. Che è quello per cui mi ero alzato alle sei stamani, ovviamente.
Corollario: risparmia anche i giudici UISP che prendono per il culo dicendo "eh, ma ci sarà stato le frecce in terra"Sai una sega te che stai inchiodato all'arrivo.

12 commenti:

  1. scolati le bottiglie e non pensarci più...
    (ma, dico io, ci sarà UN campo italico affidato a persone all'altezza del compito?)

    RispondiElimina
  2. Concordo con Zio Scriba. Bevi sereno e pensa al prossimo traguardo.

    Buona domenica!

    RispondiElimina
  3. Ti tocca seguire i consigli di Zio Scriba e di Kylie, perché in alternativa ci sarebbe solo l'infrangere il 41° comandamento...!

    RispondiElimina
  4. questi dell'UISP fanno un tantino defecare in quamnto a organizzazione, d'altronde so italiani

    RispondiElimina
  5. può succedere dai! e che vogliamo impiccare tutti :)

    RispondiElimina
  6. Bevi, bevi ...comunque, la settimana scorsa ho saggiato con mano la disorganizzazione di una gara di Triathlon dalle mie parti, con gente a segnalare l'arrivo degli atleti dove non serviva e altre zone pericolose invece sguarnite (il massimo è stato stare fermi mezz'ora e veder poi arrivare uno in bici per dire alla povera anziana messa lì a bloccare il traffico "ma signora, di qua si può passare; deve andare in fondo alla strada a bloccare le auto"). C'è da ridere, ma a volte, certe leggerezze, si pagano care ..

    RispondiElimina
  7. Per anni caro Stefano nella mia seconda... ehm... terza giovinezza, ho avuto a che fare con il famoso campionato UISP di pallacanestro! Anche lì il 41° comandamento ci sarebbe stato bene per la "sana" organizzazione, soprattutto per la scelta degli arbitri...bah, dell'arbitro unico, che spesso arrivava non si sa da dove con mezzi di fortuna. Va beh, sorvoliamo, e fatti un buon bicchierozzo di rosso anche per noi... se è Chianti però non ti faccio compagnia...troppo amaro per me! facciamo montepulciano! :)

    RispondiElimina
  8. Oh Nico tu mi mandi in sollucchero.
    Detesto il Chianti.
    (ssssshhhhh, se mi sentono, da queste parti...)

    RispondiElimina
  9. Mi sto immaginando le imprecazioni in toscano.

    RispondiElimina
  10. Starei incazzata nera pure io...

    RispondiElimina
  11. Ah ecco: il vino sana tutti i peccati.

    RispondiElimina