martedì 29 novembre 2011

Suicidio assistito. Lucio Magri, 1932-2011


Sono sempre più convinto che, nell'ipotesi (al momento assurda, ma chissà) di trovare insostenibile il continuare a vivere, per qualsivoglia motivo, me ne andrei anch'io in Svizzera, dove non sei un criminale se pensi di poter decidere della tua vita. E dove il suicidio assistito è normale, umana prassi, se pur con tutte le precauzioni del caso.
Magari vorrei avere accanto qualcuno cui voglio bene, con cui bere un ultimo bicchiere (o magari farmelo iniettare in vena), invece che un qualsiasi medico, magari pure obiettore.
E poi le ceneri le farei riportare indietro, e spargere sugli argini dell'Arno.


Ciao, Lucio.
Numero 1 - 28 aprile 1971
 
 

17 commenti:

  1. la Svizzera non è un paese perfetto, ha molti difetti però dal punto di vista dei diritti umani sta anni luce davanti a noi (e pensa che fino a 20 anni fa in tre cantoni le donne non potevano votare)

    RispondiElimina
  2. In Svizzera non cè il VaticanE...a me basterebbe che in Italia cominciassero a non buttare i cordoni ombelicali pieni di cellule staminali nei rifiuti speciali...ma anche qui cè lo zampino di qualche pretone...per quanto riguarda il suicidio assistito , come essere contro la libertà di decidere!ciao

    RispondiElimina
  3. Non saprei cosa dire, mi sembra un passo così personale da spingermi a non commentare. In ogni caso l'opzione della scelta restiusce una parte della dignità perduta.

    RispondiElimina
  4. Tanto per farti capire come la penso dico solo: ma che meraviglia lo spezzone di film che hai messo là sopra, su quel meraviglioso Angelo che fu Jack Kevorkian!

    RispondiElimina
  5. Condivido il tuo pensiero,Runner.E mi unisco al ricordo di uno dei pochi che mi abbiano fatto palpitare per la politica.Ciao Lucio.

    RispondiElimina
  6. ..non ho ben capito se fosse malato e sofferente, comunque io che sarei per l'eutanasia nei pazienti in fase terminale e senza speranza, questo mi sembra troppo.
    Al limite, io mi suiciderei come amy winehouse....e non coinvolgerei nessuno!

    RispondiElimina
  7. i benpensanti che in Italia certo non mancano direbbero che andiamo contro il volere di dio, ma io sto dio non lo conosco!!!! io mi faccio i cazzi miei, che se li faccia pure lui ... i suoi ovviamente :)

    RispondiElimina
  8. ps. ho ripreso un commento già postato nel blog di stopre

    RispondiElimina
  9. Argomento personale, difficile, ma di certo, una legge come quella Svizzera è da paese civile come pochi. Un altro grande compagno ci ha lasciati, lo stesso giorno di Mario Monicelli.

    RispondiElimina
  10. è una scelta libera di un uomo libero.

    RispondiElimina
  11. Scelta libera, nessun danno per gli altri, massimo rispetto.

    RispondiElimina
  12. Grande Lucio, sei morto è vero, ma l'hai messa nel culo a parecchi pezzi di merda che continuano a imporre il dover decidere per gli altri! Anche io come Alli avevo notato la similitudine con Monicelli, due scelte simili nello stesso giorno!
    Grazie Stefano, lo hai ricordato alla grande, un abbraccio

    RispondiElimina
  13. Io vorrei avere questa possibilità e libertà di scelta.. tutto qua. Hai detto niente! :(

    RispondiElimina
  14. Che bella una vita che finisce proprio quando sei stanco di vivere. Che bello poterlo fare senza macchiare di sangue ciò che ti circonda, e ciò che hai dentro.

    RispondiElimina
  15. Un saluto, e tanti dolcissimi auguri dallo Zio Nick, che sta per prendersi pure lui una piccola pausa per lavorare a un nuovo romanzo... :D
    A presto mon ami!

    RispondiElimina
  16. Ao, aspetto e aspetto ma qua 'nse vede luce :)
    Auguri maestro, un felice 2012! :)

    RispondiElimina